chirurgiaplastica.gif:
nada: Dottor ALIA Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica - Milano - Cagliari - Olbia - Sassari - tel. 02 6671 1656
nada:

nada:

nada:




isaps.jpg:
Depilazione Laser: Come Decidere

a cura del Dott.Giorgio Sarchi
Specialista in Dermatologia e Venereologia

I peli hanno rappresentato fino a poco tempo fa il nemico numero uno di quasi tutte le donne non esistendo una metodica veramente efficace, rapida e risolutiva per eliminarli.

Ora invece,è possibile dare l'addio definitivo a pinzette,rasoi,cerette,creme e quant'altro la fantasia femminile potesse aver escogitato.

I risultati oggi ottenibile con il Laser non sono infatti minimamente paragonabili con quelli raggiungibili dalle metodiche finora in uso.

Occorre pero' tener presenti alcune importanti indicazioni al fine di ottenere i massimi risultati con i minori rischi possibili:questo perché il Laser non e' una gomma per cancellare, esente da problematiche, talora anche severe.

Per prima cosa e' consigliabile rivolgersi esclusivamente a specialisti che ne abbiano la dovuta dimestichezza, che possano affrontare e risolvere ogni situazione,che abbiano l'esperienza non improvvisata di molti operatori non medici.

Questi specialisti,chirurghi plastici o dermatologi, possono garantire già attraverso la scelta della macchina da utilizzare i migliori risultati.

Esistono infatti in commercio diversi tipi di Laser variabili per versatilità, prezzo, indicazioni, rischi connessi con l'utilizzo.

Esistono anche macchine proposte come Laser che di questo posseggono solamente il nome. E che non ne possono quindi ottenere i risultati.

La severissima FDA americana ha rifiutato la patente di affidabilità alla maggior parte di queste.

L'ha invece concessa, dopo accuratissimi esami basati su studi importanti pubblicati, al Laser a diodi.

Questa macchina, il cui principio si basa sulla tecnologia dei semiconduttori, attualmente rappresenta quanto di meglio nel campo della depilazione.

Le sue caratteristiche consentono il trattamento di ogni regione corporea con una buona maneggevolezza per l'operatore, il minimo disturbo per il paziente e un'ottima velocità di esecuzione.

La lunghezza d'onda proposta e' di 800 nm, la potenza di picco da 1600 a 2900 watts, lo spot da 9 a 12 mm, la fluenza da 10 a 60 J/cm.

L'obbiettivo di questo Laser e' la melanina , il normale pigmento cutaneo che risulta molto più concentrato nel bulbo pilifero rendendolo così ideale come bersaglio.

Ciò avviene specialmente nella fase Anagen di crescita rendendo così conto di due fattori: il primo e' la necessita', ai fini del miglior risultato, di ripetere il trattamento un numero di volte sufficiente a cogliere ogni pelo nella sua fase più sensibile. Il numero dei trattamenti prevedibili varia da 3 a 6.

La seconda osservazione necessaria e' che i peli non pigmentati non sono sensibili a questa metodica.

E' importante non sottoporsi a questo trattamento in condizioni di abbronzatura poiché aumenterebbe il rischio di depigmentazione, visto il bersaglio del Laser.

Altrettanto raccomandabile è di presentarsi alla seduta con l'area da trattare accuratamente rasata. Questo perché l'energia impiegata non sia inutilmente dispersa per quella parte del pelo che può agevolmente essere allontanata meccanicamente, riservandone la massima attività per il bulbo che desideriamo eliminare.

La rasatura ideale viene ottenuta con una semplice lametta: sembra essere questo un ostacolo psicologicamente insuperabile per molte donne, almeno per quanto riguarda zone come i baffetti, il mento e le areole mammarie. Zone sulle quali si crede di poter più correttamente agire con la pinzetta o la ceretta. Purtroppo queste ultime due metodiche sono le più traumatiche per i peli in quanto esercitano una trazione sul bulbo che ne determina una sorta di reazione difensiva che conduce al rafforzamento e, in definitiva, all'ingrossamento del pelo stesso.

Quanto dura una seduta ,quali i disturbi soggettivi e quali gli effetti collaterali ?

La durata e' in stretta dipendenza con la superficie da trattare: pochi minuti per il volto, le ascelle e l'inguine; un paio d'ore per le gambe o le braccia.

La sensazione che si avverte è una specie di rapida punzecchiatura. L'anestesia locale non è necessaria..

L'area trattata manifesta in genere un arrossamento di breve durata: puo' essere utile l'impiego di una crema emolliente da applicare a seduta conclusa.

E' possibile, anche se infrequente, che il trattamento determini alterazioni della pigmentazione, sia in termini di iper- che di ipo-pigmentazione.

Ciò è più frequente su fototipi scuri o su pelli abbronzate: da qui l'invito a sottoporsi alla Laser-depilazione con la cute il più chiara possibile. Oltre naturalmente ad evitare l'esposizione al sole per circa un mese dopo il trattamento, avendo in caso contrario l'accortezza di proteggere le aree trattate con uno schermo solare elevato.

Queste alterazioni pigmentarie sono comunque sempre reversibili nell'arco di alcuni mesi.

Ridurne il rischio è strettamente legato alle capacità e all'esperienza dell'operatore.

Per concludere: questa metodica si sta imponendo sempre più come ottima risposta ad un problema fino a poco tempo fa irrisolvibile. La richiesta crescente, anche da parte maschile, sta suscitando un'offerta piuttosto disordinata e spesso poco affidabile.

La raccomandazione fondamentale e' di rivolgersi a Specialisti preparati, a macchine selezionate, a informazioni complete: se anche il costo fosse un po' più elevato, il risultato finale con la relativa soddisfazione lo ripagherebbe abbondantemente.

  chirurgia-plastica.ws - P.IVA 12034450150 - Studio via Copernico 47 - 20125 - Milano - tel. 02 6671 1656
tutti i diritti riservati